Prima di tutto guardate bene questa immagine:

Volete sapere che cosa e’? E’ la base per le crocchette di pollo (Chicken Nuggets) nei menu di McDonalds ed affini. Esattamente cio’ di cui i bambini sono piu’ ghiotti!

Andiamo con ordine. Nei mattatoi americani, polli interi sono lavorati fino a renderli una poltiglia omogenea. Ripeto polli interi, quindi zampe, occhi, interiora, pelle e via dicendo sono tritati per creare un composto morbido e dal colore innaturale rosa flash. Questo processo velocizza e rende piu’ economico il processamento dei polli, causando pero’ alcuni problemi: il colore innaturale e la presenza di batteri.

Per eliminare i batteri, la carne e’ immersa in ammoniaca che pero’ altera il sapore del pollo. Per ovviare a questo ennesimo problema, finito il trattamente, addittivi chimici ricostituiscono il sapore di pollo e il colore naturale della carne del pollo. Infine, il tutto viene separato in bocconcini pronti da far friggere nel vostro fast food preferito!

Fortunatamente noi non mangiamo praticamente mai in fast food, e vi preghiamo di non farlo nemmeno voi! New York e’ piena di ristoranti unici e imperdibili, osate al di la’ di Fifth Avenue e non ve ne pentirete!

Altri Articoli:

15 Comments on Le gioie del cibo americano!

  1. Gianluca
    5 ottobre 2010 at 05:57 (7 anni ago)

    No comment, e poi si meravigliano che sono sempre più obesi.
    Che schifo!!

  2. Simona
    5 ottobre 2010 at 09:13 (7 anni ago)

    NOOOOOO….io pensavo che il pollo fosse la cosa più sana,insomma, il minore dei mali!!!

  3. Renato
    5 ottobre 2010 at 09:17 (7 anni ago)

    L’offerta di cibo certo a new york non manca.Giornalmente , ad esempio mi capitava di andare a mangiare da Sbarro nella 34st. Certo il servizio, tavolini , posti , fa un po schifo , ma non si mangia male. Quindi le alternative a Macdonald ci sono eccome.
    Questo articolo mi ha riportato alla mente un film denuncia di qualche anno fa. Se non ricordo male il titolo era “Food Nation” o qualcosa di simile.

  4. Paolo
    5 ottobre 2010 at 09:24 (7 anni ago)

    Faccio bene a non andare mai al Mc Donalds!!!

    Una volta sulla rivista che davano ai soci di Slow Food erano elencati tutti gli ingredienti per fare appunto i chicken mc nuggets…..ERANO PIù DI 100!!!!

  5. emy
    5 ottobre 2010 at 11:01 (7 anni ago)

    ma la stessa cosa avviene anche in quelli italiani???

  6. Iki86
    5 ottobre 2010 at 14:36 (7 anni ago)

    ma alla fine della filiera di pollo ne rimane un pò????… mamma mia… bella roba

  7. gelsomino
    5 ottobre 2010 at 16:05 (7 anni ago)

    Jonathan Safran Foer scrive nel suo libro “se niente importa” che gli americani scelgono di mangiare meno dello 0.25% del cibo commestibile conosciuto del pianeta.
    Il giornalista Scott Bronstein ha scritto una stupefacente inchiesta sulle ispezioni del pollame ad opera dei funzionari dell’USDA (united states departement of agriculture) il cui compito presunto dovrebbe essere quello di garantire la sicurezza del consumatore e che ogni mangiatore di polli dovrebbe conoscere <> scrive <<milioni di polli da cui cola pus giallo, macchiati di feci verdognole, contaminati da batteri nocivi o sfigurati da infezioni cardiache e polmonari, tumori maligni o malattie della pelle lasciano gli stabilimenti di lavorazione per essere venduti ai consumatori. E allora cosa volete che sia un po' di poltiglia rosa fritta affogata nell'ammoniaca?

  8. Raffaella
    6 ottobre 2010 at 03:28 (7 anni ago)

    Quando sono stata a New York, andavo sempre a mangiare in un self service in Lexington Avenue, che era gestito da orientali. Diversamente dai classici fast food, c’era sempre una scelta immensa di verdura e frutta fresca e cotta, carne cotta in modo semplice, insomma mangiavo sano… Il bello è che si pagava in base al peso del vassoio e non per quello che si era scelto. La prima sera avevamo solo soldi di taglio grosso e non potevano cambiarceli, con un sorriso ci hanno detto che non era un problema, avremo pagato la volta successiva… Se esiste ancora lo consiglio vivamente, io sono stata là diversi anni fa.

  9. Iki86
    6 ottobre 2010 at 16:24 (7 anni ago)

    @raffaella… grazie per il consiglio, annotato anche questo, oltre a quelli già consigliati in privato da cri e luca

  10. cristiana
    12 ottobre 2010 at 09:33 (7 anni ago)

    è più sano mangiarsi le unghie dei piedi in pratica…..

  11. cristiana
    14 ottobre 2010 at 13:25 (7 anni ago)

    ma almeno le penne le tolgono? e la sporcizia sotto le zampe…calpestano continuamente quello che cagano…!!!!

  12. Superfox
    27 ottobre 2010 at 10:40 (7 anni ago)

    Sto per partire per NY e tra le varie cose che vorrei fare avrei previsto un pasto da McDonalds. Proprio per provare sul campo il vero “trash food” all’americana.
    E avevo anche già sentito dell’abitudine di frullare tutto il pollo, però qui si esagera un pochino, direi…

    Mi sa che mi limiterò a prendere Coca e patatine. O sono di plastica anche questi???

  13. Francesco
    2 novembre 2010 at 13:43 (7 anni ago)

    Cristina e Luca come al solito ottimo lavoro

  14. Francesco
    2 novembre 2010 at 13:44 (7 anni ago)

    Bravi

  15. giulia
    28 marzo 2011 at 13:25 (6 anni ago)

    continuerò amangiare polletti cmq…sono troppo buoni…e se ci stanno occhi zampe e cosi via…..anche quelli sono una bontà!!!!!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *